Homepage

La Psicoterapia Immaginativa

La Psicoterapia Immaginativa agisce all’interno dello spazio del Sé, nella relazione tra Io Es e Super Io. Proprio in questo spazio intrapsichico si diramano i processi “immaginativi”.
Partendo dal Sè e dal corpo, arriviamo a dinamizzare il “Sè Sonoro”: il Sè-Sonoro è una metafora, sviluppata sulla base delle ricerche e delle osservazioni compiute in ambito clinico, che riguarda l'autopercezione dell'immagine sociale che viene presentata agli altri.
Con questa tecnica è possibile effettuare l’integrazione dell’immagine corporea dipendente da:
 
1) percezioni interne (cenestesico-viscerale)

2) percezioni esterne (dimensione motoria, linguaggio verbale e mimico-posturale )

3) fantasie interne (desideri e paure)

4) relazioni affettive (qualità dei rapporti familiari ed extra-famigliari)

Partendo dal corpo, mediante un lavoro “musico-analitico”, si toccherà tutto ciò che riguarda il sintomo, il conflitto intrapsichico, e l’area sociale.

L'autonomia sociale coincide con il soddisfacimento dei propri obiettivi esistenziali, architettati in base ad un progetto di vita, che segna la separazione da un mondo infantile ed onnipotente, per proiettarsi verso un progetto creativo.


Sulla base di un lavoro clinico ortodosso, e sulla bade si ricerche psicosomatiche ( Balzarini - Cremona) e infine musicoterapiche, col dottor Paolo Rossi abbiamo ricercato un nuovo indirizzo in psicosomatica che potessedinamizzare in modo più approfondito, a livello immaginativo e corporeo, la relazione controtransferale, contro le pastoie di un setting analitico-ortodosso.

All’interno del setting psicoterapico, quando le associazioni libere e le interpretazioni espresse mediante il codice verbale non bastano per comunicare con la parte inconscia del paziente, le tecniche immaginative e musiche studiate ad hoc, forniscono nuovi parametri per oltrepassare il muro delle controforze che si oppongono al cambiamento intrapsichico.

Con questo lavoro aiutiamo la Persona a riattraversare il filogenetico e l'ontogenetico. Le tecniche immaginative applicate , nella loro struttura morfologica e sintattica, rappresentano le tappe evolutive nelle quali il mondo ha cominciato ad acquisire significato ed ordine.

Ad un livello più evoluto, quando la Persona sta cominciando ad elaborare la questione conflittuale, all'interno di questo setting l'utente riscopre la sua identità diventando forte dinanzi agli stimoli negativi interni ed sterni : egli nasce dinanzi a se stesso.

 

Risveglia la dea che è in te

C' era un tempo in cui i gruppi sociali poggiavano su strutture matrilineari. Quel tipo di società erano armoniose ed in sintonia con la Natura. Si percepiva unità e la forma dello scontro violento tra esseri umani era sconosciuta.
"Risveglia la dea che è in te. Riappropriarsi del potere femmineo" è volto alla costruzione di una massa critica sufficientemente ampia per diffondere una forma-pensiero di effettiva equità nei generi sessuali.

Per il recupero di un modo di pensare pacifico e rispettoso della terra, il ruolo del femmineo è determinante.

E' un movimento che promuove iniziative concrete per la divulgazione di nuove rappresentazioni sociali della donna che tengano conto della sua specificità di genere.
E' inoltre rivolto al recupero della dignità di genere attraverso il confronto su tematiche al femminile.
Per intenderci, non ci limiteremo a pubblicare notizie su casi di mancata emancipazione e violazione dei diritti della donna  ma  lavoreremo con l'impegno affinchè un nuovo paradigma di pensiero non permetta mortificazioni e denigrazioni dell'essere donna.

 

Volantino Corso di Formazione Cura e Benessere della sfera genitale e sessuale della donna

Studio di Psicologia

Il tuo carrello

Spedizione: €6.00
Totale: